Translate

11 nov 2021

Liebig Arbereshe 1920


Nel 1865 il famoso chimico tedesco Justus von Liebig fonda una azienda produttrice di "estratto di carne". Per promuovere il prodotto dal 1872, con una visione molto moderna della pubblicità, fa stampare serie di piccole immagini in cromolitografia, una sorta di "figurina", che vengono distribuite in omaggio ai clienti del suo prodotto.

Figurine Liebig 1921 - Minoranze linguistiche italiane

Queste "figurine" a colori con ricche illustrazioni molto dettagliate, di dimensioni 7x11cm, presto diventano più famose del prodotto stesso perchè rappresentavano una sorta di enciclopedia illustrata con informazioni inerenti a geografia, costumi, fauna flora, storia di tutto il mondo. Presto si diffonde una vera e propria mania collezionistica. La stampa delle figurine è terminata nel 1975. Quindi in più di un secolo sono state prodotto circa 1800 serie. Ogni serie era composta composta da 6, 12, 18 figurine.

Nel 1920 viene stampata una serie di 6 figurine molto belle che rappresentano minoranze linguistiche in Italia. Tra queste si citano due località di lingua tedesca, una di lingua francese, una di lingua araba e due di lingua albanese.

Nulla da dire sulle prime tre località. Ma presentare Africo (RC) come un paese di "lingua araba" è un gravissimo errore. Probabilmente l'autore non era molto informato a riguardo e facendosi ingannare dal toponimo ha pensato che ad Africo altro non si poteva parlare! Ad Africo al massimo nel dialetto c'è una forte componente grecanica.

San Costantino Albanese Liebig 1920
Invece le due belle figurine relative alla minoranza linguistica Albanese sono San Paolo Albanese e San Costantino Albanese, nel versante lucano del Pollino, anche se per errore riportano Calabria, presentano alcune imprecisioni.
San Paolo Albanese Liebig 1920

Nell'immagine a colori si vedono due donne in costume tradizionale, il fiume Sarmento, rappresentato in piena, un ponte che sarebbe interessante sapere se allora esisteva realmente così come rappresentato, boschi e montagne con pareti a strapiombo sembrano abbastanza calzanti.

Foto recente di donne in abiti tradizionali. Da sinistra abito indossato da donna nubile, la seconda indossa un abito tessuto al telaio. Foto di Pina Ciminelli.

Quando ho visto i costumi riportati nelle figurine mi sono sembrati da subito non fedeli a quelli che avevo visto indossati alle feste dalle donne di San Costantino. Bisogna del resto immaginare che all'epoca l'artista  avrà avuto a disposizione qualche immagine in bianco e nero, probabilmente anche poco nitida che rappresentavano il paesaggio, gli abitanti e qualche notizia ricavata da diari di viaggio o studiosi dell'epoca. Quindi in questa immagine c'è una "sintesi artistica", una interpretazione, che cerca di rappresentare in uno spazio di 11x7 paesaggio e costumi basandosi su fonti disponibili molto limitate. Basta aprire una enciclopedia precedente agli anni '50 per rendersi conto della qualità delle fonti che si potevano avere a disposizione sulle popolazioni dei cinque continenti: informazioni grossolane, luoghi comuni e "politicamente non corrette.

La festa della Madonna della stella in una vecchia foto d'epoca che potrebbe aver ispirato l'autore della figurina. Foto anni '20 da Archivio Taddeo

Peccato l'imperdonabile errore di inserire i due comuni lucani del Pollino in Calabria ma resta la soddisfazione di sapere che in migliaia di case nel mondo esattamente un secolo fa sono passate immagini della nostra terra. 

Qualsiasi giudizio negativo riguardo all'iniziativa di Liebig lascia il tempo che trova considerando che noi stessi abbiamo compreso il valore turistico della nostra terra e delle nostre tradizioni appena negli anni '80.

Gruppo Voxha Arbereshe di San Costantino Albanese in costume tradizionale: Foto che ho scattato quando nel 2009  seguii il gruppo al festival di Argirocastro (Albania). Al centro Pina Ciminelli

Si ringrazia 

Pina Ciminelli per la foto e i chiarimenti sui costumi. Segui Voxha arberesche

Archivio Taddeo per la bella documentazione di archivio disponibile on -line.

Link alla foto d'epoca degli anni '20

Per maggiori informazioni sul collezionismo delle figurine Liebig esiste un gruppo Facebook

 

Per chi vuole visitare il Pollino e le aree di cultura Arberesche consigliamo:

Escursione a Pietrasasso per il Pollino Lucano

Escursione a Civita per il Pollino Calabrese



1 commento:

  1. Congratulazioni per il articolo
    Sono in Brasile, ma mia famiglia
    è da origine arberesh del Pollino
    Antonio Frega

    RispondiElimina

Vi preghiamo di lasciare nel commento un recapito e-mail. A volte le informazioni che ci lasciate potrebbero essere molto utili e sarebbe un peccato non potervi contattare per approfondimenti. Se preferite restare anonimi scriveteci! Grazie