domenica 15 dicembre 2019

Pino Loricato: carta d'Identità



Si tratta di una specie a diffusione prevalentemente balcanica (Grecia, Albania, Bulgaria, Bosnia, Montenegro). In Italia è presente nel Parco Nazionale del Pollino, con qualche esemplare che sfugge alla rigida definizioni dei confini.


  
Areale e Ambiente
Questa sua distribuzione trans-adriatica suggerisce che in passato, prima o durante  le glaciazioni avesse Una diffusione più ampia, intorno all'Adriatico.
È una specie dalle grandi capacità di adattamento: vive dagli 800 fino ad oltre i 2200 m s.l.m. Infatti è l’unico albero che riesce a vivere sull’Appennino al di sopra della faggeta, ma ne ho localizzati alcuni presso centri abitati e addirittura non lontani da un centro commerciale.
A causa delle difficili condizioni climatiche che subiscono gli esemplari che vivono sulle rocce esposte del massiccio montuoso, assumono forme che evocano straordinarie sensazioni nella mente di chi lo contempla. 
Preferisce i terreni fortemente calcarei, rocciosi e ben drenati.
Nel Parco Nazionale del Pollino è localizzato sui costoni rocciosi in direzione est-ovest di Monte Manfriana, Serra Dolcedorme, S. delle Ciavole e S. di Crispo, Monte Pollino, S. del Prete, Timpa della Capanna, Timpa di Viggianello, a sud La Montea, Palanuda, Cozzo del Pellegrino, a nord M. Zaccana e la Spina, Alpe di Latronico. Qua trovate i nostri percorsi dedicati al Pino Loricato con l'etichetta LO
Esiste qualche sconfinamento fuori dal territorio del parco di giovani esemplari. Ne ho trovato qualche esemplare nel comune di Laino Borgo difficili da distinguere da occhi non esperti dal simile Pino Nero molto abbondante nei rimboschimenti.

Il nome
Il nome “loricato” lo si deve alla corteccia che negli esemplari ultra centenari ricorda la corazza dei soldati romani (la lorica) o la pelle di giganteschi rettili. Il nome comune Pino Loricato fu attribuito per la prima volta dall'eccellentissimo botanico Biagio Longo di Laino Borgo.
 Il nome scientifico corretto è Pinus heldeichii, ma in Italia è più famoso con il sinonimo Pinus leucodermis (leuco=bianco, dermis=pelle) attribuito per via del colore grigio-argenteo della corteccia dei tronchi e dei rami giovani.

Alberi più vecchi d'Europa
Al Pino Loricato appartengono alcuni degli alberi più vecchi d'Europa, tra questi "ITALUS" datato di recente per una età prossima ai 1300 anni. Nell'area balcanica non è improbabile che si possano trovare esemplari ancora più vecchi, ma al momento non si hanno informazioni in proposito. Leggi Il Pino di Baykushev

Specie in via di estinzione?
Considerato erroneamente in via di estinzione dimostra invece negli ultimi decenni, come nell'area intorno al Monte la Spina, una certa vitalità nella ricolonizzazione di terreni abbandonati dal pascolo e dall'agricoltura. Esemplari giovani si possono trovare anche lungo le strade a quote inferiori agli 800 m slm, indice di certa vivacità riproduttiva.

Nessun commento:

Posta un commento

Vi preghiamo di lasciare nel commento un recapito e-mail. A volte le informazioni che ci lasciate potrebbero essere molto utili e sarebbe un peccato non potervi contattare per approfondimenti. Se preferite restare anonimi scriveteci! Grazie