martedì 12 maggio 2015

Un capriolo nel mio orto

Agriturismo La Quercia di Licari, ore  7.30 del mattino.

Vado alla gabbia delle galline faraone. Sono qui da pochi giorni e sono in ansia per la loro salute. Ad un certo punto, oltre la rete a meno di 10 metri di distanza, controluce appare la sagoma inconfondibile di un capriolo. Non credo ai miei occhi, abbagliati dal sole del mattino. Me li stropiccio... è proprio lui: un bel maschio con tanto di trofeo.

Credo che non mi abbia visto ...  mi allontano furtivamente per non disturbarlo. Corro a casa, chiamo Nicoletta che ancora dorme e che non può perdersi uno spettacolo del genere! Ci affacciamo sul balcone. Guardiamo nel campo, ma niente... non c'è più, sarà andato via. Delusi rientriamo a casa, perchè non sappiamo quando ci ricapiterà una occasione come questa. I caprioli sono molto rari nell'area nord del Pollino, figuratevi nell'orto di casa. Sebbene sia  una zona poco popolata, siamo pur sempre in piena Valle del Mercure.

Ritorno al mio lavoro di fattore, mi giro verso il recinto ed eccolo di nuovo! Evidentemente, mimetizzato, dalle stoppie non eravamo riusciti a vederlo. Mi inerpico su per la scala, facendo i gradini a due a due ed eccomi di nuovo sul balcone... la storia continua nel video.


Forse è la prima prova documentale nella Valle del Mercure, peraltro così vicino ad una abitazione.

Durante la notte lo abbiamo sentito "abbaiare" per lungo tempo non molto lontano da qui.

Speriamo che non subisca incidenti: incontri con battute di caccia al cinghiale, investimenti stradali, bracconaggio.

Da dove viene questo capriolo? Potrebbe essere un esemplare appartenente al gruppo dei Caprioli dell'Orsomarso, da alcuni definito come ultimo nucleo di esemplari "italici" insieme a quelli del Gargano e di Castelporziano.

Grazie all'istituzione del parco sono aumentati e si sono diffusi dal versante calabro anche sul versante lucano. Sono stati segnalati di recente a Piano Ruggio, Piano Jannace, Piano Visitone e nella Valle del Mercure. Prove documentali ce le ha date l'amico Alfredo Vilmer Sabino

Nessun commento:

Posta un commento