domenica 1 marzo 2015

Il Francese: dopo la battaglia di Campotenese

Ogni anno ci incontriamo a Campotenese con un soldato dell'Esercito Napoleonico
Dettagli evento

Salve sono BLUAS ANTOINE
Si scrive BLOISE ma si legge bluàs.
Ero soldato dell’esercito Imperiale di Napoleone Bonaparte, e adesso sono ufficiale dell’esercito di Giuseppe Bonaparte, Re delle due sicilie.
Sono qui, sotto questo fortino borbonico fatiscente a vigilare il passo di Campotenese, da quando dal 9 marzo 1806, proprio qui abbiamo sconfitto l’esercito borbonico.
Fortino Borbonico

Li abbiamo rincorsi da Battipaglia, li abbiamo attaccati a Campestrino, a Lagonegro, a Lauria, a Castelluccio. Gli abbiamo morso il culo come cani rabbiosi.
Il giorno prima ci siamo accampati a Rotonda e la mattina ci siamo infilati nella stretta valle di San Martino.
Eravamo nervossissimi mentre salivamo nella valle perchè siamo dovuti passare in fila per uno con tutta l’artiglieria e i cavalli Ci aspettavamo, imboscate, trappole, agguati… invece niente.
Quando siamo arrivati qui, li abbiamo trovati tutti belli distesi nella pianura ad aspettarci. C’era la nebbia, nevicava e faceva freddo, e noi li abbiamo circondati senza dargli il tempo di dare il via alla difesa.
In pochi minuti, sparando poche munizioni abbiamo reso innocuo tutto l’esercito Borbonico che da tutto il regno si era riunito qui a Campotenese per resisterci. ll loro Generale era Damas , un francese, un traditore, un monarchico.
I Borbonici erano 18.000. Abbiamo fatto prigionieri 2 generali, 107 ufficiali, 1865 soldati. Gli altri si sono rifugiati in Sicilia, protetti dagli inglesi

Adesso però devo stare qua a controllare il passo dalle imboscante dei Briganti, gentaglia, delinquenti, disertori, ladri e fannulloni, che dicono di combattere contro lo straniero invasore. Ma non hanno capito che noi siamo venuti qui per portare "la libertè, la fraternitè, l’egalitè". Hanno già dimenticato di quando i Borboni il 20 agosto 1799, hanno fatto impiccare 120 repubblicani nella Piazza del Mercato di Napoli e tra queste anche due donne, di cui una incinta… hanno aspettato che partorisse per tagliargli la testa.
L’altra era Eleonora Fonseca Pimental, una gran donna, bella e colta, repubblicana convinta, antimonarchica.
Dal patibolo gridò: "Forse un giorno gioverà ricordare tutto questo!" (*)

Quello che non capisco è perché ci siete così ostili.
Massena durante le operazioni per dare la caccia ad una banda di briganti, ha dovuto sopprimere una rivolta a Lauria. I civili sparavano dalle case contro le sue truppe che inseguivano i briganti, e pur intimando loro la resa, hanno rifiutato. Alla fine Lauria è stata messa a ferro e fuoco, con centinaia di morti.
Dal Convento di Colloreto di Morano i briganti partivano per le loro scorribande. Le teste di quelli che abbiamo preso e giustiziato le abbiamo esposte sulla strada per Morano a monito di chi avesse intenzione di unirsi a loro.
Ma questi erano briganti!
Perché non capite che l’Italia, grazie a noi, non è più la stessa? Gli Italiani da vili come erano dipinti negli spettacoli in piazza, adesso non tollerano più queste allusioni. Grazie a noi avete acquisito una coscienza nazionale, siete diventati patriottici e guerrieri (**). Avete dimostrato il vostro valore ai dominatori stranieri.
Siete liberi, siete affrancati dalle angherie baronali, perché il nostro Re ha abolito le feudalità. Ha riorganizzato il sistema burocratico amministrativo. Ha diviso la provincia in distretti, circondari e comuni.
Il Ponte della Valle o dei FrancesiHa fatto di Potenza, un villaggio sconosciuto, La Capitale della Provincia di Basilicata.
Ha confiscato i beni ai parassiti clericali e feudali.
Adesso stiamo costruendo il prolungamento della strada che da Napoli va in Calabria, passando da Rotonda!
E proprio in questi giorni dovrebbero aver finito il ponte sulla valle San Martino.
E statene sicuri che sarà un ponte solidissimo. Fra 200 anni sarà ancora lì.

Note

*la frase citata appartiene realmente a Eleonora Fonseca Pimental

** liberamente tratto dal "Memoriale di Sant'Elena" di Napoleone Bonaparte



Nessun commento:

Posta un commento